Installare VMWare Player su Fedora 16

 

Certe volte può succedere di aver bisogno di installare un sistema operativo diverso da quello che utilizziamo normalmente per fare alcune cose e l’unica maniera per farlo senza inquinare il computer è percorrere la strada della virtualizzazione. Con la virtualizzazione, oltre al vantaggio di non dover creare una partizione apposita per installare un sistema operativo saremo anche in grado non solo di avere una copia di backup di questo sistema virtualizzato ma potremo anche utilizzarlo su altri computer.

Attualmente, i due sistemi di virtualizzazione gratuiti più semplici da utilizzare sono VirtualBox e VMWare Player. Il primo è open source mentre il secondo è gratis ma non è né open né free software. Da diverso tempo la mia scelta è ricaduta su VMware Player che pur non essendo un software libero funziona, secondo il mio parere, abbastanza meglio rispetto a VirtualBox.

Installarlo inoltre non è per niente difficile e adesso vi illustrerò come svolgere la procedura su quasi tutti i sistemi operativi basati su Linux (credo) esclusi Arch Linux e Chakra.

Io illustrerò la procedura, testata e funzionante, sulla mia Fedora 16 nuova di zecca ed il kernel 3.1.1.

Per prima cosa bisogna recarsi su questa pagina ed effettuare la registrazione gratuita che vi permetterà di scegliere una serie di prodotti da scaricare. Voi dovete selezionare VMWare Player facendo attenzione a scegliere tra la versione a 32 e a 64 bit. L’ultima versione dell’installer, al momento in cui scrivo, è VMware-Player-4.0.0-471780.x86_64.bundle.

Per dare i permessi di esecuzione ed installare il programma basta dare i comandi da root:

# chmod a+x VMware-Player-4.0.0-471780.x86_64.bundle

# ./VMware-Player-4.0.0-471780.x86_64.bundle

Si aprirà il wizard di installazione e qui dovrete attendere che tutte le operzioni si concludano. Sfortunatamente VMWare Player non funziona di suo con il kernel 3.1 e perciò dovremo patchare, in maniera estremamente semplice, i moduli del kernel.

Per farlo bisogna scaricare la patch contenuta su questa pagina. La patch dovrebbe funzionare anche con VMWare Workstation che è a pagamento ma personalmente non l’ho testata quindi non vi so dire se funziona sul serio anche con questo prodotto.

In ogni caso, scarichiamo l’archivio in questione, estraiamo il contenuto e da root diamo:

# sh patch-modules_3.1.0.sh

Tramite questo script non solo verrà applicata la patch ma verrà anche compilato automaticamente il modulo per il kernel. Se la compilazione del kernel non dovesse avvenire basta dare il comando:

# vmware-modconfig –console –install-all

A questo punto riavviate il sistema (per sicurezza) ed eseguite VMWare Player dal menu delle applicazioni.

Per completezza, qualora vogliate rimuovere il programma, basta recarsi nella cartella contenente l’installer e dare il comando:

# ./VMware-Player-3.1.4-385536.x86_64.bundle –uninstall-product  vmware-player

Inoltre, se avete bisogno di patchare di nuovo i moduli del kernel dovete rimuovere il file nascosto .patched contenuto in /usr/lib/vmware/modules/source/

# rm /usr/lib/vmware/modules/source/.patched

Questo è tutto!

You may also like...